Mostra: Chiediamo asilo e un po' di pane". Garibaldi a San Marino

Aperta  al pubblico, negli spazi del Museo Pinacoteca San Francesco., la mostra a cura degli Istituti Culturali (Archivio di Stato, Biblioteca di Stato, Musei di Stato), “Chiediamo asilo e un po’ di pane. Garibaldi a San Marino” .

Un evento espositivo di grande importanza che si inserisce nel progetto per la valorizzazione della trafila garibaldina in occasione del suo 170° anniversario e ripercorre le fasi dello "scampo"  attraverso l'allestimento di oggetti, immagini, documenti e libri, che rimarranno esposti al pubblico fino al 20 Gennaio 2020. Una possibilitą da non perdere per poter ammirare da vicino le testimonianze tangibili di uno dei momenti pił celebri del periodo risorgimentale italiano.

"Luglio 1849. Alla caduta della Repubblica Romana, Giuseppe Garibaldi con la moglie Anita e un cospicuo gruppo di combattenti tenta di raggiungere Venezia per mettersi in salvo.
In questa fuga avventurosa, inseguito dall’esercito austriaco, il 31 luglio Garibaldi entra a San Marino, incontra i Capitani Reggenti e chiede loro “asilo e un po’ di pane”.
La Repubblica si trova ad affrontare un compito gravosissimo: nell’arco di un solo giorno deve salvare la propria tradizionale libertą e, al tempo stesso, Garibaldi e le sue truppe.
I Sammarinesi prestano soccorso ai fuggitivi. Il Generale scioglie l’esercito sul sagrato della Chiesa dei Cappuccini, fuori dalla cittą di San Marino. Nella notte del 31 luglio, accompagnato da una guida locale, Garibaldi tenta di raggiungere il mare presso Cesenatico con Anita e pochi fedelissimi. Nel frattempo, dopo la fuga, la diplomazia sammarinese continua la sua mediazione, riesce a sventare il pericolo dell’occupazione della Repubblica da parte degli Austriaci e a disarmare e far fuggire i garibaldini ancora a San Marino."

La mostra dedicata allo scampo garibaldino rimarrą aperta tutti i giorni fino al 20 gennaio 2020, per dare la possibilitą a turisti, cittadini sammarinesi e amanti della storia, di conoscere questo importante episodio attraverso reperti e documenti eccezionalmente esposti agli occhi del pubblico.